top of page

Identità di genere e orientamento sessuale... è solo una questione genetica?

Aggiornamento: 5 nov 2021




Oggi si sa sta crescendo l'attenzione verso i cambiamenti e i problemi legati all'identità di genere e all'orientamento sessuale soprattutto dei più giovani. Aumentano le voci che gridano alla libertà di essere se stessi, aumentano le lotte contro i pregiudizi, aumentano la fiducia e l'orgoglio ma spesso anche il disagio e la sofferenza.

C'è chi ancora si chiede se l'orientamento sessuale sia una questione genetica e quindi biologica oppure una questione psico-sociale o addirittura se sia una moda. Ma l'epigenetica ormai ha ampiamente dimostrato che in realtà l'espressione genetica e l'ambiente (relazioni, condizioni di vita, modelli educativi e sociali, esperienze) si influenzano reciprocamente, per cui è ormai assodato che è piuttosto complesso stabilire quali fattori pesano di più e quali meno, ma comunque entrambi sono coinvolti attivamente (questo ci dovrebbe far riflettere molto).

Oggi si sentono tanti nomi, tante definizioni: transgender, intersessuale, bisessuale, gender non conforming, ecc. Che differenza c'è? quale vissuto, quali pensieri, quali emozioni ci sono dietro questi termini?

Cerchiamo di fare un pò di chiarezza.


Identità di genere e orientamento sessuale.

Il Professor Paolo Valerio, Presidente dell'Osservatorio Nazionale Identità di Genere (ONIG), ha definito l'IDENTITA' SESSUALE un costrutto multidimensionale che secondo il modello di Shivley, De Cecco e Lev, sarebbe costituito da: identità di genere, espressione di genere e orientamento sessuale.

Si costruisce nel tempo attraverso l'interazione tra fattori biologici, psicologici, socioculturali ed educativi.

Il sesso è la componente biologica, geneticamente predeterminata.


L'identità di genere

L'identità di genere, invece, è più legata ai fattori socioculturali e psicologici: è il senso intimo, profondo, soggettivo di appartenere ad un genere e non all'altro. Già i bambini di tre anni sono in grado di identificarsi con il genere maschile o femminile. Tuttavia tra maschio e femmina esistono tante sfumature identitarie: alcune persone pur avendo genitali maschili si sentono di appartenere al sesso femminile e viceversa. Altre si sentono di non appartenere a nessun genere.

Alcune identità di genere sono "non conformi" alle norme socio-culturali. In questi casi si usa il termine generale transgender proprio per riferirsi a tutti coloro che "travalicano" le due definite categorie di genere (maschio/femmina). Oggi si preferisce adottare il termine Gender Variance, cioè varianza di genere ad indicare una identità fluida rispetto a quella cristallizzata in maschio o femmina. Queste identità fluide sono:

- Persone transessuali: necessitano di sottoporsi a terapie ormonali e/o chirurgiche per adeguare il proprio corpo all'identità sessuale che sentono di avere.

- Persone cross-dressers: indossano abiti del sesso opposto.

- I transgender che non sentono il bisogno di sottoporsi ad interventi chirurgici o terapie ormonali.

- Persone bigender, non binary/gender queer: si identificano sia col genere maschile che femminile o che non si riconoscono in nessuno.

- Persone Drag queens e Drag Kings: indossano abiti dell'altro sesso e adottano atteggiamenti iperfemminili o ipermaschili.


L'espressione di genere

L'espressione di genere è un insieme di comportamenti, attitudini e modi di presentazione sociale che viene riconosciuto dal contesto socioculturale come maschile o femminile. E' dunque la manifestazione pubblica della propria identità di genere ed esprime l'adattamento sociale della persona. Sin da piccoli, in famiglia, a scuola, nei contesti sociali impariamo a distinguere i comportamenti appropriati al maschio e quelli alla femmina per questo tutte le modalità diverse possono disorientare e spesso alimentare pregiudizi e dubbi.


L'orientamento sessuale

L'orientamento sessuale è la direzione della nostra sessualità e affettività. In questo senso abbiamo:

- omosessualità: orientamento sessuale verso lo stesso sesso

- eterosessualità: orientamento sessuale verso il sesso opposto

-bisessualità: orientamento sessuale verso entrambi i sessi

E poi abbiamo i pansessuali e gli asessuali che sembrano non avere uno specifico orientamento sessuale.


Nell'identità sessuale tutte le componenti sopra descritte possono combinarsi in moltissimi modi diversi; fattori biologici e fattosi ambientali, socioculturali si combinano, interagiscono rendendoci tutti diversi e imprevedibili!

<